HED-7: il futuro dell’auto secondo Hyundai

Post 10 of 93
HED-7: il futuro dell’auto secondo Hyundai

Look futuristico e dinamico, materiali all’avanguardia e pannelli solari sono le carte messe in gioca dalla nuova concept car di Hyundai.

Realizzata e disegnata in Europa dall’R&D Center di Hyundai a Rüsselsheim, Germania, la HED-7 propone una carrozzeria berlina a tre volumi dal design sportivo e che si caratterizza per l’utilizzo di materiali estremamente leggeri e la presenza sul tetto di pannelli solari contribuiscono a ridurre il peso complessivo e ad aumentare sensibilmente l’efficienza energetica.

La HED-7 spicca anche per essere il banco di prova una tecnica pionieristica chiamata Energy Harvestinge sviluppata in collaborazione con BASF. Questa tecnica si basa sul recupero del calore tramite dispositivo termoelettrico, e consente una riduzione del consumo di carburante del 5% in caso di guida a velocità elevate. Infatti, la metà dell’energia elettrica consumata dalla HED-7 a 80 km orari può essere recuperata per mezzo di un generatore termoelettricoinserito nel condotto di scarico che converte il calore dei gas di scarico in energia elettrica che viene utilizzata per alimentare i sistemi ausiliari. Sempre insieme a BASF è stato sviluppato il programma denominato Blue Drive che è in continuo sviluppo ed è stato pensato per essere sempre all’avanguardia nelle tecnologie eco-compatibili. La HED-7 infatti può contare su nuove linee, fluide ed eleganti che, oltre ad offrire una aspetto estetico ‘futuristico’, contribuiscono a garantire ottime caratteristiche di aerodinamicità che consento di ridurre le emissioni di CO2 a soli 85 g/km e i consumi a 3l/100km.
Gioca un ruolo fondamentale, nel conseguimento di questi valori a basso impatto ambientale, anche il primo propulsore diesel ibrido di Hyundai fabbricato con materiali e tecnologie di nuova generazione. A tutto questo va aggiunto anche un sistema di ausilio alla guida ‘eco-sostenibile’ che include indicatori del consumo di carburante e di cambio marcia, oltre una funzione ECO attiva che regola il gruppo moto-propulsore in base alle migliori condizioni, adattando di conseguenza le unità di controllo della trasmissione e del motore. Infine, la funzione ‘eco route’ utilizza le condizioni di traffico reali e dati stradali tridimensionali per calcolare il modo più efficiente, dal punto di vista dei consumi, per giungere alla destinazione desiderata.

Thomas Bürkle, Chief Designer del Design center di Rüsselsheim illustra così il concetto stilistico alla base della HED-7, la settima di una serie di audaci concept car sviluppate presso il Centro Stile:

“La prima impressione che si ha della HED-7 è quella di una vettura dalla linea suggestiva risultante dalla combinazione di superfici scolpite con forme estremamente femminili e di proporzioni ampie e possenti. La sommità del tetto inclinata verso il posteriore e il caratteristico volume principale esprimono l’interpretazione in chiave ultra-moderna della categoria delle berline. Queste proporzioni uniche sono abbinate a una lunga coda e a uno sbalzo anteriore corto, elementi che sono stati inseriti per migliorare l’aerodinamicità dell’auto.“

Hyundai-hed-7-front Hyundai-hed-7-retro

La vocazione sportiva è enfatizzata da innovativi elementi aerodinamici attivi, come lo spoiler anteriore adattivo e il profilo laterale del pannello della portiera. I sofisticati gruppi ottici anteriori e posteriori d’ispirazione futuristica sono incastonati tra le superfici filanti della vettura, mentre la tipica griglia esagonale di Hyundai ne completa la sezione frontale. “La sensazione di agilità e di calibrata aerodinamicità è ulteriormente rafforzata dal tetto in vetro con celle fotovoltaiche DSSC (a colorante organico) semi-trasparenti che corre dal parabrezza alla lunetta posteriore creando un elemento di continuità dal forte impatto stilistico. I cristalli del tetto e dei finestrini confluiscono in un guscio unico che ‘taglia via’ la sezione inferiore del montante ‘C’ fluttuante, creando così l’effetto di una cupola continua e aerodinamica. Questi dettagli audaci e raffinati completano l’immagine globale della HED-7 per culminare in un’affermazione di stile forte e decisa che fa progredire la filosofia di Hyundai ispirata al concetto di scultura fluida.”Con la sua lunghezza complessiva di 4.780 mm e un interasse di 2.800 mm una la larghezza e un’altezza rispettivamente di 1.850 mm e 1.420 mm affermano il carattere profondamente sportivo di questa berlina, che quanto prima arriverà nei concessionari della brand coreano.

Hyundai e il design

Lo scorso aprile, per il terzo anno consecutivo, Hyundai ha partecipato alla Milano Design Week con un’impattante installazione dal titolo “Fluidic – Sculpture in Motion” realizzata dallo Hyundai Advanced Design Center in collaborazione con WhiteVoid, società specializzata in effetti speciali, con l’obiettivo di  proporre e introdurre, attraverso un’esperienza interattiva e di forte impatto, l’approccio di Hyundai al design e la filosofia stilistica del brand: Fluidic Sculpture.

Hyundai-Perspective_02_test

L’installazione esalta l’essenza della “Fluidic Sculpture”, che s’ispira alla natura e alla sua naturale attitudine ad adattarsi continuamente a contesti in perenne trasformazione.
Il progetto, che è stato ospitato in un’area di circa 1.000 m2, è stato realizzato  con  l’intento di consolidare il legame tra Hyundai e il mondo del design e dell’innovazione. “Fluidic – Sculpture in Motion” è uno spettacolo di luci, laser e media interattivi che, ispirandosi alla formazione e alla trasformazione proprie del mondo naturale, crea figure e immagini tridimensionali di grande impatto visivo.
Il tutto si è reso possibile grazie a un particolarissimo sistema tecnologico di scanner 3D che,  rilevando il calore e la presenza umana, ha permesso ai visitatori di interagire ed esplorare l’installazione ricreando curve e figure spettacolari.
L’interazione è anche lo strumento per trasmettere a livello sensoriale  la filosofia stilistica del design Hyundai e, al tempo stesso, per sottolineare la  ‘fluidità’  dei nostri tempi in  cui si ricerca armonia, flessibilità e adattabilità.

di Danilo Loda

,

This article was written by admin

Menu